Ferrata Montalbano

 

 

 

Serata sulla Montalbano               Dislivello: 410mt        Ore: 2.45’-3.15’

 

Assieme a Luca, Armando Elisa e Luigi decidiamo di andare a fare la ferrata di Montalbano subito dopo aver finito la giornata lavorativa.

Arrivati  nel centro di Mori parcheggiamo le auto e si deve salire  al Santuario m 330 in circa 15-20min , nel prato dietro il Santuario si trovano  le indicazioni dei  vari percorsi.

 Si sale nel bosco seguendo le indicazioni per l’attacco della ferrata che si raggiunge in 10’.

Ore 18.15 Da qui si sale per il primo tratto verticale alla fine del quale c’è un sentiero di rientro dove Luigi ed Elisa ci abbandonano (Luigi era Paonazzo in volto….   Faceva un gran caldo.. Elisa poco convinta e avendo già fatto la ferrata decide di scendere con Luigi) La Ferrata la si percorre quasi esclusivamente aggrappati al cordino metallico in verticale fra canalini e con due bei passaggi in orizzontale, praticamente sospesi nel vuoto. Con un percorso di 550 metri si supera un dislivello di 300 metri il che, da solo, rende l’idea. La visibilità è buona e i può godere del panorama che si estende sulla cittadina di Mori e sulla valle dell’Adige fino ad Ala, creando una suggestiva immagine proprio sotto i piedi. Prima dell’ultimo canale verticale vi è il libro di via su di cui ci firmiamo sottolineando che invece qualcun altro mancava all’appello

(Palazzo non c’è)

Dopo l’ultimo tratto verticale si sbuca su un piccolo terrazzino dove si può godere con più calma il panorama, quindi il rientro si effettua di corsa, (Armando è in ritardo per l’allenamento di calcio) per comodo sentiero che scende sulla sinistra della parete e in poco più di mezz’ora raggiunge nuovamente il Santuario, e da qui alle auto. Ore 21.00